Natività della Beata Vergine Maria – 8 settembre

mariass

 

Continua a leggere…

Assunzione di Maria in Cielo – 15 agosto

assunz

Continua a leggere…

Indulgenza della Porziuncola, 1 -2 agosto

“Santo Padre, voglio, se ciò piace alla vostra Santità, che quanti verranno a questa chiesa confessati e pentiti e, come conviene, assolti da un Sacerdote, siano liberati dalla colpa e dalla pena in cielo e in terra, dal giorno del battesimo al giorno e all’ora dell’entrata in chiesa”.

San Francesco d’Assisi

Dal mezzogiorno del 1 Agosto alla mezzanotte del giorno seguente, oppure, con il consenso dell’Ordinario del luogo, nella domenica precedente o successiva (a decorrere dal mezzogiorno del Sabato sino alla mezzanotte della Domenica), visitando una qualsiasi chiesa francescana o basilica minore o chiesa cattedrale o parrocchiale si può acquistare l’indulgenza della Porziuncola, anche nota come perdono di Assisi.
Per acquistare l’indulgenza plenaria è necessario adempiere tre condizioni:

  • confessione sacramentale;
  • comunione eucaristica;
  • preghiera secondo le intenzioni del sommo pontefice (Padre Nostro, Ave ed un Gloria al Padre).

Si richiede inoltre che sia escluso qualsiasi affetto al peccato anche veniale.

san-francesco-assisi-04

Una notte dell’anno 1216 San Francesco ebbe una forte tentazione carnale. Per vincerla si spogliò e si getto senza esitare in mezzo al roveto che circondava la sua cella. Immediatamente il roveto si trasformò in un meraviglioso roseto senza spine. Apparvero due Angeli che lo condussero nella cappella di Santa Maria della Porziuncola, dove trovò ad attenderlo, seduti sui troni e circondati da numerosi Angeli in luce sfavillante, il Cristo e la Madonna.
Il Redentore gli domandò quale premio volesse per il suo atto eroico. Rispose San Francesco: “Desidero la concessione di una indulgenza straordinaria a chiunque, confessato, pentito e assolto, entri in questa Cappella”. Rispose il Signore: “Quello che tu chiedi, o Francesco, è grande, ma sei degno di cose maggiori”. Continua a leggere…

Madonna del Carmelo – 16 luglio

m_carmine17La devozione alla Vergine del Carmelo, procede dalla fede autentica che porta a riconoscere la grandezza della Madre di Dio e spinge all’amore filiale verso la Madonna e alla imitazione delle sue virtù.
Ad esprimere e manifestare l’iniziativa dell’amore materno di Maria e la nostra volontà di essere “proprietà” di Maria, c’è lo SCAPOLARE (o Abitino) DEL CARMINE. Pio XII lo definì “veste mariana” per antonomasia e lo indicò come “segno e garanzia della protezione della Madre di Dio”

Lo Scapolare è segno della protezione della Madre di Dio verso coloro che la amano: è simbolo di appartenenza e consacrazione a Maria che soccorre i suoi figli in vita. In punto di morte e dopo morte.
Oltre che segno della protezione di Maria Santissima nei pericoli dell’anima e in quelli del corpo, lo Scapolare è soprattutto un mezzo per stimolarci a vivere nell’ossequio di Gesù Cristo e nella imitazione di Maria, sua Madre Chi porta lo Scapolare fa professione di “appartenere a Nostra Signora”, come si esprimeva Pio XII, e di comportarsi sempre e dovunque da suo vero figlio. Continua a leggere…