Presentazione del Signore – 2 febbraio

vangelo

«Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l’anima».

Lc. 2

Il dolore di Maria
di Enrico Suso

Dal Libretto dell’Eterna Sapienza

Pura Signora e nobile Regina del cielo e delta terra, tocca il mio cuore pietrificato con una delle calde lacrime che versasti per l’amara tribolazione del tuo tenero Figlio, sotto la misera croce, affinché questo cuore si intenerisca e possa comprenderti; infatti la passione del cuore è di tale natura che nessuno la conosce bene, se non chi l’ha provata. Ah, ora tocca il mio cuore, eletta Signora, con le tue tristi espressioni e dimmi con poche parole significative perché me le ricordi, che cosa provasti e come ti comportasti sotto la croce, quando vedesti il tuo tenero Figlio, la bella Eterna Sapienza, morire così dolorosamente.

RISPOSTA: Tu devi intenderlo con lamento e con dolore del cuore; anche se ora sono libera da ogni sofferenza, non lo ero però in quel tempo.
Prima di arrivare sotto la croce avevo sentito alcuni grandi indicibili dolori, specialmente quando ebbi la prima visione di mio Figlio, maltrattato, colpito, brutalizzato: a causa di ciò rimasi senza forze e così sfinita fui condotta, seguendo il mio amato Figlio, sotto la croce. Ma ciò che mi domandi, cioè quale fu il mio stato d’animo e come mi comportai, ascoltalo, per quanto è possibile saperlo; infatti non è mai nato un cuore che possa conoscerlo a fondo. Continua a leggere…

Annunci