San Giovanni Maria Vianney, Curato d’Ars – 4 agosto

“Mio Dio, io vi amo, ed il mio unico desiderio è quello di amarvi fino all’ultimo sospiro della mia vita”.

Risultati immagini per curato d'ars

Giovanni Maria Vianney, noto anche come il Curato d’Ars, era un sacerdote qualsiasi. Si sentiva estremamente ignorante, non fu mai bravo a studiare e aveva una conoscenza del latino molto scarna.

Si ritrovò a dirigere una parrocchia piccola e composta pressoché da atei, retaggio della recente rivoluzione francese.

Straordinariamente, con la sua semplicità disarmante e il suo amore totale verso Dio, divenne un santo straordinario, con il suo esempio convertì migliaia di persone, è oggi il patrono dei sacerdoti, l’esempio per tutti.

Nonostante le sue difficoltà di apprendimento, non cessò mai di leggere avidamente la Parola, pregando e meditando, in modo da imparare a compiere la volontà di Dio.

“Innanzitutto bisogna conoscere la nostra santa religione, l’unica vera, perché l’unica rivelata da Dio. Figli miei, perché siamo così ciechi e così ignoranti?

Perché non facciamo caso alla parola di Dio. Se una persona è istruita nella religione cattolica, c’è sempre la possibilità che si riprenda. Per quanto si perda in ogni sorta di brutta strada, si può sempre sperare che presto o tardi torni al buon Dio, fosse anche in punto di morte.

Al contrario, una persona che è ignorante nella propria religione è come un moribondo che ha perso conoscenza: non conosce né la gravità del peccato, né la bellezza della sua anima, né il valore della virtù; si trascina di peccato in peccato.

Continua a leggere…

 

Annunci

Indulgenza della Porziuncola – il perdono di Assisi

Una notte dell’anno 1216 San Francesco d’Assisi provò una tentazione carnale, così forte che per vincerla si spogliò e si gettò in mezzo al roveto che circondava la sua cella. Immediatamente il roveto si trasformò in un meraviglioso roseto senza spine. Apparvero due Angeli che lo condussero nella cappella di Santa Maria della Porziuncola, dove trovò ad attenderlo, seduti sui troni e circondati da numerosi Angeli in luce sfavillante, il Cristo e la Madonna.
Il Redentore gli domandò quale premio volesse per il suo atto eroico. Rispose Francesco:

“Desidero la concessione di una indulgenza straordinaria a chiunque, confessato, pentito e assolto, entri in questa Cappella”. 

Rispose il Signore: 

“Quello che tu chiedi, o Francesco, è grande, ma sei degno di cose maggiori”.

Condizioni:

Tale indulgenza è lucrabile per sé o per le anime del Purgatorio, da tutti i fedeli quotidianamente, per una sola volta al giorno, per tutto l’anno in quel santo luogo e, per una volta sola, dal mezzogiorno del 1 Agosto alla mezzanotte del 2 Agosto, visitando una qualsiasi altra chiesa francescana o basilica minore o chiesa cattedrale o parrocchiale.
Per acquistare l’indulgenza plenaria è necessario adempiere tre condizioni:

  1. confessione sacramentale;
  2. comunione eucaristica;
  3. preghiera secondo le intenzioni del sommo pontefice (Padre Nostro, Ave ed un Gloria al Padre).
    Si richiede inoltre che sia escluso qualsiasi affetto al peccato anche veniale.

Continua a leggere…

Santa Brigida di Svezia – 23 luglio

Santa Brigida di Svezia fu proclamata santa nel 1391, ed è oggi principalmente ricordata per aver ricevuto da Gesù alcune rivelazioni, dalle quali è scaturita la devozione delle “15 orazioni”.

Si tratta di preghiere da recitare ogni giorno per un anno consecutivo, senza interruzione, per onorare le sofferenze patite da Gesù nella Passione. Le Orazioni di Santa Brigida non solo sono un validissimo mezzo per imparare a pregare ogni giorno, rafforzando il rapporto con Dio e sperimentando un grande giovamento per l’anima, ma, a chi le recida con vera devozione, Gesù ha anche promesso grazie speciali.

Questo infatti è ciò che il Signore rivela a Santa Brigida:

“Ho ricevuto sul mio corpo 5480 colpi. Se tu vorrai onorarli, dirai 15 Pater e 15 Ave con le orazioni seguenti durante un anno. Trascorso l’anno, tu avrai salutato ognuna delle mie piaghe”.

Chiunque dirà queste orazioni durante un anno:

  1. Libererà 15 anime della sua stirpe dal Purgatorio,
  2. 15 giusti della stessa stirpe saranno confermati e conservati in grazia,
  3. e 15 peccatori della stessa stirpe saranno convertiti.
  4. La persona che le dirà avrà il primo grado di perfezione,
  5. e, 15 giorni prima di morire, le darò il mio prezioso Corpo di modo che sarà liberata dalla fame eterna, e le darò il mio prezioso Sangue a bere perché non abbia sete eternamente.
  6. 15 giorni prima di morire avrà una contrizione amara di tutti i suoi peccati e una perfetta conoscenza di essi.
  7. Metterò il segno della mia Croce vittoriosa davanti a lei per soccorrerla e difenderla contro gli attacchi dei suoi nemici.
  8. Prima di morire io verrò con la mia amatissima e cara Madre,
  9. Riceverò benignamente la sua anima e la condurrò alle gioie eterne,
  10. e, conducendola fino là, io le darò con singolare tratto: bere alla fonte della mia Deità; quello che non farò a quelli che non avranno recitato queste Orazioni.
  11. Occorre sapere che chiunque avesse vissuto durante 30 anni in peccato mortale e dirà devotamente o si sarebbe proposto di dire queste Orazioni, il Signore gli perdonerà tutti i suoi peccati,
  12. e lo difenderà dalle tentazioni,
  13. e gli conserverà i suoi 5 sensi,
  14. e lo preserverà dalla morte improvvisa,
  15. e salverà la sua anima dalle pene eterne,
  16. e otterrà tutto quello che domanderà a Dio e alla Santa Vergine Maria,
  17. e, se avesse vissuto sempre secondo la sua volontà e avesse dovuto morire domani; la sua vita si prolungherà;
  18. tutte le volte che reciterà queste Orazioni guadagnerà 100 giorni di indulgenza,
  19. e sarà sicuro di essere aggiunto al coro degli Angeli.
  20. Chi le insegnerà ad un altro, la sua gioia e il suo merito non finiranno, ma saranno stabili e dureranno eternamente.
  21. Dove sono e saranno dette queste Orazioni, Dio è presente con la sua grazia.

Gesù.

 

LEGGI LE 15 ORAZIONI DI SANTA BRIGIDA ⇒

Beata Maria Vergine del Monte Carmelo – 16 luglio

madonna-del-carmine-e1467708426469

La devozione alla Madonna del Carmelo è diffusa da secoli in tutto il mondo. Ad essa sono ricollegati fiumi di grazie e straordinari miracoli.

Essa pone al primo posto l’atteggiamento Interiore, l’amore semplice, spontaneo e filiale che nasce da una libera e totale consacrazione alla Beata Vergine Maria del Monte Carmelo.

Devozione

Come ogni vera devozione, procede dalla fede autentica che porta a riconoscere la grandezza della Madre di Dio e spinge all’amore filiale verso la Madonna e alla imitazione delle sue virtù.
Ad esprimere e manifestare l’iniziativa dell’amore materno di Maria e la nostra volontà di essere “proprietà” di Maria, c’è lo SCAPOLARE (o Abitino) DEL CARMINE. Pio XII lo definì “veste mariana” per antonomasia e lo indicò come “segno e garanzia della protezione della Madre di Dio”

La consegna dello Scapolare, detta anche vestizione, può essere effettuata da qualsiasi sacerdote. Il primo abitino deve essere di stoffa, benedetto e imposto da un sacerdote. Quando lo si deve sostituire, non è più necessaria un’altra benedizione. La formula da usare è quella del Rituale o il semplice segno di croce.
Lo Scapolare può essere sostituito da una medaglia benedetta che da un lato abbia l’immagine della Madonna sotto qualsiasi titolo – preferibilmente del Carmine – e dall’altro il Sacro Cuore di Gesù.

Il fedele si impegna a indossare giorno e notte lo Scapolare di stoffa o la Medaglia-Scapolare: a compiere ogni giorno una pratica di pietà mariana (per esempio: il Rosario, o 7 Ave Maria, o almeno una Salve Regina): a pregare per Lo Scapolare del Carmine e di perseverare nell’amore a Maria con una valida testimonianza di vita cristiana.
Lo Scapolare non è un amuleto per Incoraggiare la superstizione, ma un pegno della predilezione della Madonna: un richiamo all’esercizio della carità e una professione di appartenenza e di consacrazione alla Madre e Regina del Carmelo.

I Privilegi

I “Privilegi dello Scapolare” sono grazie e favori che la Madonna ottiene da Cristo per i suoi figli devoti, come premio della loro dedizione, e questa promessa sarebbe stata fatta dalla Madonna a S. Simone Stock e al Papa Giovanni XXII.

La Salvezza Eterna

La beata Vergine disse “Questo è il privilegio che io concedo a te e a tutti i carmelitani: chiunque morirà con questo scapolare non patirà il fuoco eterno”
Pio XII nel suo discorso celebrativo affermò: ” Quante anime buone hanno dovuto, anche in circostanze umanamente disperate, la loro suprema conversione e la loro salvezza eterna allo Scapolare che indossavano! Quanti inoltre, nei pericoli del corpo e dell’anima, hanno sentito, grazie ad esso, la protezione materna di Maria! La devozione allo Scapolare ha fatto riversare su tutto il mondo fiumi di grazie spirituali e temporali “.

Il Privilegio sabatino

La Madonna ha promesso di preservare i suoi devoti, vestiti dello scapolare, di liberarle dal purgatorio, il primo sabato dopo la morte.
Pio XII assicura i devoti dello Scapolare che la piissima Madre non tralascerà di intervenire con la preghiera a Dio perché i suoi figli, che espiano nel Purgatorio i loro peccati, raggiungano al più presto la patria celeste, secondo il cosi detto ” privilegio sabatino” tramandato dalla tradizione”. Continua a leggere…