Immacolata Concezione – 8 dicembre

peterpaulrubensimmaculateconceptionwga20251-660x350-n48mp61f8ac5v29oiqa1nl7ujsn44337yrub7sb6ig

Maria è Madre di Dio

L’uomo, reso schiavo dall’orrore della morte e dal peccato, doveva essere salvato. Per questo era necessario che il Figlio di Dio si facesse uomo, incarnandosi: aveva bisogno di una Madre.
Oh, la perfezione di questa donna privilegiata! Dio l’aveva preparata da tutta l’eternità nella sapienza. E fu Maria, colei che all’annunzio dell’Angelo si smarrisce e si umilia, ma tuttavia grida al cielo: “Ecco l’ancella del Signore! Fiat!” E il mistero dolce e tremendo si compie, il Figlio di Dio è il Figlio di Maria.

Maria è Madre nostra

Avendo accettato di essere la Madre di Gesù, vero Dio e vero Uomo, Maria consentiva di seguire maternamente Gesù nella sua missione dolorosa. Missione di salvezza, quindi missione di rinunzia e di martirio.
Gesù diventava, per volere del Padre, il primogenito tra molti fratelli. Maria la madre di questi fratelli di Gesù. Ed erano i fratelli che un giorno avrebbero ucciso, crocifiggendolo, il Figlio suo. Ella vide il corpo straziato del più bello, del più buono di tutti i figliuoli degli uomini, e dall’alto del patibolo si ebbe i carnefici per figlioli. Era il testamento di Gesù.

Supplica

Dolcissima Madre, come potrò farti dimenticare il dolore crudele che ti ho dato? E come potrò mostrarmi davvero tuo figlio? Tu sei madre sempre, anche quando io sono cattivo, tu sei disposta sempre a sentire il tuo cuore trafitto da acute spade, ma a che cosa mi gioverà se io non mi scuoto, se io non voglio esserti figliuolo? O Maria, non mi lasciare, una madre non abbandona il figlio, con te io sarò salvo.

Preghiera

Maria mia addolorata, non Ti voglio lasciare sola a piangere, no, io voglio unire alle Tue anche le mie lacrime. Oggi Ti chiedo questa grazia: ottienimi il ricordo continuo e una tenera devozione verso la Passione di Gesù e la Tua perché in tutti i giorni che mi rimangono da vivere io possa piangere le Tue sofferenze, o Madre mia, e quelle del mio Redentore.

Spero che quando sarò in punto di morte il ricordo dei Vostri dolori mi darà fiducia e forza per non disperarmi, vedendo le offese che ho recato al mio Signore.

I vostri dolori mi otterranno il perdono, la perseveranza, il Paradiso, dove spero di giungere per rallegrarmi con Te e cantare le misericordie infinite del mio Dio per tutta l’eternità. Così spero, così sia.
Amen.
S. Alfonso Maria de’ Liguori

Continua a leggere…

 

Seguici anche su Instagram: @fede.e.speranza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...